Godiamoci la vita, nel giorno romantico Shakti

Photo by Yaroslav Shuraev on Pexels.com

Ogni diciassettesimo giorno del mese nel calendario lunare è il giorno dell’energia yin, il femminile sulla terra, il cui simbolo è la dea Shakti! Il giorno della gioia, l’allegria e la soddisfazione! Shakti simboleggia l’energia universale, infinita, divina, che crea ed esegue. Shakti è quindi l’intero mondo manifestato, Madre Natura e il principio cosmico femminile universale. Shakti è il principio femminile in ogni donna.

Facciamo parte dei ritmi eterni cosmici e ora ci connettiamo con l’aspetto femminile dentro di noi, l’energia femminile primordiale manifestata nella dea Shakti. Oggi tutta l’energia creativa fluisce in noi e si muove secondo i ritmi naturali dell’Universo. Balliamo la danza della creazione del mondo. L’energia femminile manifestata porta ricchezza, soddisfazione, pienezza, fertilità e gioia di vivere. Facciamo solo quello che ci piace, beviamo e mangiamo solo quello che ci piace, comunichiamo, divertiamoci, godiamoci la vita! L’energia Shakti ci dà libertà nei desideri, nelle azioni e nelle espressioni.

Questo giorno per la DONNA è come il suo compleanno. Ti invito a splendere, esci, indossa il tuo vestito più bello, i gioielli che ami, le scarpe più belle, truccati, indossa il tuo più bel sorriso. Lo sapevi che quando sorridi alleni 17 muscoli facciali? E se ridi dal cuore, alleni i muscoli addominali allo stesso tempo. È l’esercizio più bello al mondo che puoi darti, per rilassarti e per migliorare il tuo umore. Un sorriso è la finestra sulla tua anima e ti dà poteri magici. Ogni volta che lo dai o lo ricevi, aumenti il ​​tuo livello di serotonina, quell’ormone che ti porta felicità. Il sorriso trasuda sicurezza e ringiovanisce.

La giornata è favorevole per tutto ciò che desideri, l’Universo ti sostiene. L’energia sessuale nelle donne è notevolmente amplificata in questo giorno, canalizzala verso il tuo partner o verso l’autoguarigione. È un bel giorno per concepire figli e per concepire momenti intimi con il tuo partner, a parte il solito atto fisico. Crea tu l’altmosfera. E’ semplice vivere momenti di connessione intima e spirituale, fusione di corpi ed energie. Inizia con la cena, stasera usa i profumi per l’ambiente, accendi solo candelle profumate in tutta la casa, cenate a lume di candela. Spegnete i telefoni, le tv e connettetevi a voi stessi, comunicate o semplicemente cenate e restate a riposare e dialogare in quell’atmosfera, scoprirete una nuova dimensione dell’esperienza intima.

In questo giorno si dice che le donne pronte incontrano il loro amore. Ridi, sorridi spesso. Oggi bevi vino bianco o rosso dolce. Come trasformi l’energia sessuale in eccesso in energia curativa che ti aiuterà a guarire? L’energia sessuale può anche essere energia creativa, per scoprire come usarla correttamente vieni nel cerchio di donne IL VALORE SEI TU.

Photo by Marlon Schmeiski on Pexels.com

Balla sin dal mattino. Prova durante il giorno a sentire il cuore che batte al ritmo dell’Universo. Canta. Sintonizzati su una canzone che ti piace o impara a suonare uno strumento. Permetti alla vibrazione della musica di riempire la tua anima. Sai quando la tua anima gioiesce ed è sulla vibrazione giusta? Quando il corpo non riesce a stare fermo nel momento in cui sente qualsiasi tipo di musica bella. Quando interiormente hai voglia di cantare vuol dire che sei nella vibrazione gioiosa e femminile. Più sarai felice in questo giorno (e ogni giorno), più sarai fortunata. In questo giorno devi essere totalmente ricettiva, riceverai inviti dagli uomini, sarai scelta, riceverai proposte, nuove opportunità. Sii attenta a ciò che viene verso di te e ai messaggi che ricevi. Devi permettere che l’energia maschile sotto forma di doni, proposte, soldi, beni o altro venga da te. Divertiti. Attiri quando brilli, impara a permetterti di essere AUTENTICA, acquista i perCORSI ACCADEmia Femminilità by Gαbriєℓα Bαℓαj

Photo by cottonbro on Pexels.com

Dalla statistica si è scoperto che “il 60% delle donne si sente sospettosa e nervosa nei confronti delle altre donne”. ⁠È piuttosto preoccupante, non è vero? ⁠

⁠Perché noi donne ci sentiamo a disagio, intimidite o diffidente nei confronti delle altre donne? Perché abbiamo timore nel mostrarci con le nostre valigie emotive? Come sentirsi a proprio agio, aperte, fiduciose, giocose, incoraggiante e solidale tra noi donne? Forse perché abbiamo ricevuto ed accumulato tanto rifiuto, tanti abbandoni, tanto dolore e crediamo che nessuno è in grado di stare con il nostro dolore?

Si inizia dal cerchio femminile, il gruppo di donne, è un posto magico dove possiamo aprirci e imparare ad essere noi stesse, senza maschere e senza veli. ⁠In questo spazio possiamo ascoltare e osservare le dinamiche che si creano, che emozioni sorgono? Ogni mese nella giornata di luna nuova organizzo un tale cerchio per tutto il 2021, puoi entrare al costo di soli 33€. In questo cerchio pratichiamo l’accoglienza, la femminilità, la gentilezza e celebriamo il nostro VALORE.

L’atteggiamento “a disagio, di diffidenza, invidia e competizione” delle donne l’una verso l’altra è stata la prima cosa che ho notato nel 2003 quando sono venuta dalla Romania e mi sono stabilita in Italia. Nella mia cultura, dove ho vissuto nel piccolo paesino rurale, una sorte di comunità dove ci conosciamo tutti, non avevo vissuto questo atteggiamento maschile tra donne, in quanto si le donne potevano anche essere “invidiose” e “competitive” nei confronti delle altre donne, ma in generale la maggioranza erano rispettose, amichevoli, riceventi e c’era una solidarietà e sostegno femminile, più spirito di “sorellanza”. A distanza di anni avrei capito perché le donne dell’est, le russe e le romene qui in Italia sono percepite da molte italiane (non da tutte ovviamente) come delle nemiche. In verità ciò che abbiamo noi di diverso rispetto alle donne moderne è soltanto l’innata connessione con la nostra parte femminile, che per la nostra cultura ancora non abbiamo perso. La donna moderna, che sia rumena, russa, italiana, europea o americana quando diventa competitiva verso le altre donne è indice chiaro che è entrata a vivere in polarità maschile, è diventata “donna in carriera=mascolinizzata” e ha perso la sua innata femminilità.

⁠Una delle ferite più gravi della mia sorellanza e del rapporto con le donne è stato il sentirmi “rifiutata” da due sorelle alle quali ci tenevo tanto. Davvero, davvero, ha fatto male. Ho praticato molto le mie varie pratiche femminili e le terapie per curare le ferite e riconquistare la mia fiducia nelle donne. ⁠Ho compreso pienamente che l’amicizia, la sorellanza e l’amore non possono accadere e durare molto là dove esiste la competizione. Non c’è miglior “collante” per la sorellanza che crescere e guarire insieme in cerchi sinceri, dove ognuna di noi si mostra vulnerabile, fragile e nuda, dove ci sentiamo libere e ci permettiamo di brillare e di celebrare i nostri successi!

⁠ Perché il successo di una sorella è il mio successo!