Come uscire dal triangolo della morte, dal gioco dei ruoli che creano i conflitti e le relazioni tossiche

Vivere nella presenza significa
essere capaci costantemente di
monitorare i nostri stati
d’animo, coltivare l’assenza
del giudizio, togliere in sè
le pretese, le lamentele, evitare
di entrare in ruoli come il
carnefice, la vittima oppure
il benefattore.

Vivere nella presenza di se’
significa accettare il mondo
attimo per attimo cosi’ come
lo è senza provare minimamente
l’impulso di volere modificare nulla.

Gabriela Balaj

L’eroe non è meglio del vittimista o martire, bisogna stare attenti a non cadere in queste 3 trappole: carnefice-vittima-eroe. Nessuno di questi 3 ruoli servono all’armoniosa convivenza umana.

Il triangolo della morte

SCOPRI come esci dal drammatico GIOCO di ruoli che creano lo spazio alle relazioni tossiche basate su dipendenze e conflitti

Quando non siamo psicologicamente abbastanza maturi, crediamo di avere bisogno di qualcun altro per sopravvivere, per imparare, per muoversi e per fare scelte e decidere nella vita.

Quando interpretiamo il ruolo di salvatore, abbiamo bisogno di qualcuno da salvare.

Quando interpretiamo il ruolo del persecutore, abbiamo bisogno di qualcuno da criticare.

Quando interpretiamo il ruolo della vittima, abbiamo bisogno di qualcuno che ci salvi, o qualcuno da cui saremo salvati.

Come funziona il triangolo

(di Karpman)

Ad esempio: padre – è nel ruolo di persecutore, il bambino – è nel ruolo di vittima, la madre – nel ruolo di salvatrice.

Il padre rimprovera il bambino, il bambino piange, la madre cerca di calmarlo. Questo è un esempio molto semplice, banale di relazione basata sui ruoli del triangolo.

Peculiarità del triangolo delle relazioni codipendenti.

1. Le persone hanno bisogno di questo triangolo per sopravvivere. Psicologicamente. A volte fisicamente. Ad esempio, il soccorritore può aiutare la vittima dandogli soldi per molti anni di seguito e questo non pensa nemmeno di andare a lavorare.

2. Ogni giocatore compie la sua missione, è convinto del “difficile destino che ha” e agisce in base alle sue convinzioni creando quella realtà.

3. Le persone entrano nel triangolo da posizioni diverse. Qualcuno è abituato a essere una vittima. Qualcuno salvatore. Qualcuno persecutore. Ma inevitabilmente tutti si muoveranno in cerchio. Nessuno sarà sempre in grado di rimanere nella stessa posizione.

4. Tutti i partecipanti hanno determinati bisogni insoddisfatti. Una specie di fame. E sono sicuri che la saturazione dipenda direttamente dall’altra persona. Non è consapevole della propria fame e non se ne assume la responsabilità. Dentro, sono convinti che l’altro debba partecipare alla relazione in un certo modo, per colmare in qualche modo questa lacuna.

5. Tutti noi, nessuno escluso: da bambini abbiamo imparato a giocare a questo gioco. Se il gioco ancora si svolge nelle nostre vite da adulti, molto probabilmente siamo nati in una famiglia codipendente.

Puoi vivere tutta la tua vita giocando nel triangolo, e uscirne quando ti rendi conto che vuoi una vita migliore.

Come si esce dal triangolo?

1. È importante notare l’esistenza del gioco nella propria vita. Cioè, presta attenzione al fatto che “sembra che ciò che è scritto – riguardi me, sembra che io suoni in un triangolo, ho ruoli diversi con certe persone”.

2. Avanti: nota la presenza del gioco in questo momento. È molto importante. Voglio dire, ora sto cercando di salvare quest’uomo affamato. Oppure, in questo momento sto cercando una persona che mi salverà dalla sofferenza. Più da vicino osserverai il gioco, meglio sarà per te. Il principale pericolo del triangolo – il fatto che sia nascosto ai giocatori, cioè loro agiscono inconsciamente.

3. Dopo aver notato che sei nel gioco, prova a fermarti su un ruolo, non a muoverti in cerchio. Chi sono adesso? Sì, proprio ora. Oh!

Salvatore

Benefattore / Religioso / Gurù / Crocerossina

Meraviglioso. Chiediti: cosa sto facendo adesso? Ad esempio, aiuti qualcuno senza che ti sia stato richiesto? Chiediti “perché lo sto aiutando?” Perché voglio vedere la persona sorridente e felice. Super. Ora poniti la seguente domanda: cosa otterrò se questa persona è felice? Ad esempio, ti sentirai più importante. Perché vuoi essere importante per questa persona? Perché ti ricorda mamma e papà che non ti hanno notato molto. Userai tutte le tue forze per aiutarla, in modo che finalmente loro ti aiutino.

Il desiderio segreto di ogni salvatore è che qualcuno lo salvi.

Vittima

Infantile / Schiavo / Indifeso / Impotente / Martire

Ti senti in questo ruolo? Ti senti così impotente. Bloccato, senza soluzioni. Tutti sono contro di te. Tutto è così difficile, così brutto. La domanda più importante che devi porti: non sarò in grado di prendermi cura di me stesso/a?

L’idea sbagliata della vittima è che sembra indifesa. Ma non è così. Il suo problema principale: non può/vuole assumersi la responsabilità dei suoi bisogni, parlarne direttamente, soddisfarli. La vittima ha bisogno di qualcuno per “indovinare”. Anche se lo chiede, non accetterà il rifiuto. Si arrabbierà.

Persecutore

Carnefice / Giustiziere / L’eroe / Aggressore / Critico / Giudicante

Il persecutore arriva con accuse, aggressioni e vuole che l’altro cambi. E non capisce perché questa persona non vuole cambiare.

La verità è che il persecutore non vuole capire che l’altro – è un’altra persona. Ti senti in questo ruolo? Chiediti, chi stai colpevolizzando, chi vuoi cambiare, a chi ti rivolgi con pretese. Quindi poni la seguente domanda: perché lo stai facendo? Cosa c’è dietro il desiderio di controllare tutto? Sembra che sia proprio la tua paura.

Ogni persecutore desidera in segreto di non incolpare nessuno e ottenere finalmente la pace: il mondo non crollerà senza di lui, il mondo rimarrà. Tutti sopravviveranno.

In effetti, uscire dal triangolo, o più precisamente allontanarsene, è un compito e un lavoro molto difficili. Perché una o anche due riflessioni non bastano per cambiare il modo di vivere dal quale hai vissuto 20-30-40 ecc. anni. In linea di principio, iniziare questo lavoro è il primo passo per l’evoluzione e l’espansione della coscienza. Ti invito a seguire un video dove ho parlato in dettaglio del tema, per altri dettagli vieni nel mio gruppo IL VALORE SEI TU.

LA RESPONSABILITA’ te la scegli, è un’Onore, non ti può essere imposta. In ogni lamento che fai, in verità sei TU il primo Responsabile! Hai appena creato una lagna. Puoi SCEGLIERE in modo consapevole di creare altro, per esempio una soluzione, una proposta, una nuova idea.

“Sono fiamma, sono coach, sono dottore, sono esperto di…” ; sono questo, sono quell’altro. Bullshet, tu come me, non sei un caxxo di tutto quello!Quello è ciò che FAI, non ciò che SEI!… il tuo EGO ti fa identificare con quello.

Ps. Questa è in sintesi la prima REALIZZAZIONE che serve per RISVEGLIARSI.

In ogni momento sei Tu che SCEGLI. Scegli la pienezza o di accontentarti delle briciole e delle gocce. In ogni momento sei Tu quello che puoi scegliere qualsiasi altra cosa per nutrirti, per vivere.TU sei quello che sceglie! E se pensi che non lo sei, ti stai solo raccontando delle balle! Perché lo fai? Perché è più facile, è più comodo ma sappi che è anche depotenziante, estremamente depotenziante dare “colpe”, trovare motivazioni, scuse e spiegazioni del perchè non hai potere, non hai libertà, non hai serenità. Mentre trascorri il tuo tempo a dare colpe e dare tutte quelle spiegazioni, e mantenerti in quelle storie, stai trascorrendo la tua vita. O meglio la tua vita ti corre sotto i piedi, ti attraversa e nemmeno ti accorgi che se ne va. Come trascorri i tuoi momenti, tutti, così passi la tua vita. In lamentela e mancanza o nella pienezza. Sono SCELTE. L’unico motivo del perché ti senti debole, senza potere è LA TUA SCELTA. Se hai scelto di raccontarti quella storia, quel ruolo dove tu NON PUOI SCEGLIERE LA VITA E LA SUA PIENEZZA, GIOIA, POTERE E BENESSERE, quello è.

La cosa più utile per iniziare è riconoscere che TU CREI LE TUE STORIE nelle quali vivi, tu dai le interpretazioni. E ti può essere mooolto utile se ammetti – nella tua stessa esperienza – che vivi nelle storie! Se vivi ancora nelle storie, puoi almeno scegliere in quale storia vuoi vivere? Puoi scegliere la storia dell’ eroe che vive la Pienezza, la Gioia e la Libertà?

🌾…Rາc๑rdล che le ๖rici๑le ຖ๑ກ ຣลzາลກ๑… Le ອ๑cce ຖ๑ກ diຣຣetลກ๑

🍀🍀🍀 Il VALORE sei TU 🍀🍀🍀 Dล qບi ลll’eterຖitล’! ~ Gabriela Balaj